Attenzione all’ambiente, soluzioni green, rispetto per il territorio, espressioni molto attuali che rappresentano tematiche importanti, tenute in grande considerazione da noi dei ‘’Mastri Fornaciai’’.Ma cosa vuol dire comportarsi responsabilmente nei confronti dell’ambiente per aziende che producono cotto?

Per noi è fondamentale il rapporto con il territorio,è la nostra ricchezza primaria, e proprio per questo abbiamo cercato di prendere coscienza dell’impatto che il ciclo produttivo della nostra azienda poteva avere sull’ambiente circostante,e l’abbiamo fatto ottimizzando l’utilizzo di energia, pianificando la produzione in modo da avere la massima resa produttiva con il minor dispendio energetico possibile.

Il cotto viene realizzato impiegando metano come combustibile ,affinchè non si creino emissioni dannose nell’ambiente, quindi ECOCOMPATIBILI, in quanto il ciclo produttivo non crea nessun inquinamento ne tanto meno il prodotto produce emissioni dannose e/o nocive.

Quando parliamo di ‘’cotto’’ dobbiamo pensare ad un materiale di rivestimento davvero unico e compatibile con la sostenibilità ambientale, prodotto come avveniva nel passato, con una miscela di argilla ed acqua ,apparentemente semplice, ma che rivela in realtà un processo produttivo complesso, dalle mille pieghe e passaggi in cui ogni dettaglio è seguito con passione ed attenzione quasi “maniacale” per un risultato finale che può essere considerato a pieno titolo un’opera d’arte in cui antichità e modernità si incontrano per esaudire le più differenti esigenze costruttive.

Il cotto è inoltre un materiale atermico, che trattiene il caldo nelle case in inverno, e se usato all’esterno non si riscalda eccessivamente anche se sottoposto tutto il giorno al sole, e questo è senza dubbio un ulteriore vantaggio che consente la riduzione del consumo di gas ed energia elettrica,oltre ad essere naturale al 100%,quindi facilmente reciclabile sia nella fase produttiva che quando viene dismesso.