Vogliamo oggi ricordare a tutti i nostri lettori che il 30 Giugno 2013 scadrà il termine per fruire della detrazione IRPEF del 50% delle spese sostenute per i lavori di recupero del patrimonio edilizio.

Esattamente il 50%, poichè il Decreto Crescita ha innalzato la quota dall’iniziale 36%, aumentando anche la spesa detraibile da 48.000€ fino a ben 96.000€!!! A partire dal 1 Luglio 2013 la percentuale applicabile tornerà ad essere del 36%.

Affrettati, dunque! Se avevi in mente di ristrutturare la tua abitazione questo è il momento giusto!
contattaci subito

L’agevolazione è applicabile alle abitazioni facenti parte di edifici interamente ristrutturati al 31 dicembre 2012 e acquistati entro il 30 giugno 2013.

Se hai in progetto di ristrutturare la tua abitazione con il nostro cotto contattaci subito, ti forniremo una consulenza gratuita per guidarti nelle pratiche da espletare oltre che assisterti e consigliarti al meglio nella ristrutturazione stessa!

Non ha scadenze, invece, la possibilità di fruire:

  • della detrazione Irpef del 19% sugli interessi passivi pagati per mutui stipulati per la costruzione (e la ristrutturazione) dell’abitazione principale;
  • dell’applicazione dell’aliquota Iva al 4% sui beni finiti acquistati per la costruzione di abitazioni non di lusso (a prescindere che siano prima casa o meno) ed edifici assimilati.

Il beneficio sul quale calcolare la detrazione spetta fino al limite massimo di spesa di 48.000 euro, di cui si calcola il 36% da suddividere in dieci anni. L’importo massimo di spesa, per cui è possibile fruire dell’agevolazione Irpef, va riferito alla singola unità immobiliare e non più a ogni persona fisica che abbia sostenuto le spese. Va precisato che si tratta effettivamente di una detrazione dall’imposta e non di un rimborso.

La detrazione Irpef riguarda le spese sostenute per eseguire gli interventi di manutenzione straordinaria (come le diverse divisioni interne o il rifacimento degli impianti), le opere di restauro e risanamento conservativo e i lavori di ristrutturazione edilizia (gli ampliamenti dei volumi o il recupero del sottotetto, per esempio) per i singoli appartamenti e per gli immobili condominiali.

Per i tuoi lavori e le tue ristrutturazioni non possiamo che consigliarti il cotto fatto a mano, un materiale nobile e antico, che arricchisce sicuramente il tuo ambiente, rendendolo caldo ed eterno, allo stesso tempo ecosostenibile e naturale.
Noi de I Mastri Fornaciai siamo pronti a fornirti la nostra consulenza, legata alla nostra ultra-trentennale esperienza, per aiutarti nella tua realizzazione, affiancandoti e consigliandoti nelle scelte tecniche migliori da fare.

La possibilità di detrarre il 36% delle spese scade il 31 Dicembre, contattaci subito sul nostro sito web www.imastrifornaciai.it

Ti ricordiamo che il nostro cotto fatto a mano, unico, indistruttibile e di suprema qualità, lavorato ad oltre 1150 °C, si sposa perfettamente con la tipicità di qualsiasi zona d’Italia, grazie alla sua particolare colorazione, dal giallo paglierino al rosa pallido, che lo caratterizza e lo distingue dagli altri tipi di cotto. La colorazione è dovuta alla ricchezza di silicio e alla quasi assenza assoluta di ferro. La possibile cottura oltre 1150 °C, rende il nostro cotto eterno e resistente più degli altri.

Scegliere il nostro pavimento in cotto fatto a mano equivale allora al desiderio di tramandare l’eredità lasciataci dai nostri nonni, oltre ad avere a cuore l’ambiente che ci circonda, essendo il cotto un prodotto completamente ecocompatibile, prodotto nel completo rispetto della natura.